Vie d'acqua. Vicenza lungo i fiumi - I ed. 2009

Home | Vie d'acqua | Programma | Credits | Info | Rassegna stampa | Gallerie fotografiche | Video
Vie d'acqua 2009

Vie d'acqua 2010. Il Manifesto di Vicenza sul clima

Manifesto di Vicenza sul climaVenerdì 27 novembre, all'Odeo del Teatro Olimpico di Vicenza, LUCA MERCALLI ha inaugurato i lavori per la II edizione di "Vie d'acqua. Vicenza lungo i fiumi" ed ha presentato il MANIFESTO SUL CLIMA PER VICENZA con Daniele Pernigotti, docente universitario ed esperto di cambiamenti climatici, e Carlo Giupponi, direttore della Scuola di dottorato in “Science and Management of Climate Change” dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

[Manifesto di Vicenza sul clima, PDF]

[comunicato stampa, Comune di Vicenza]

[Immagini da Vie d'acqua 2009]

 

---

Il Giornale di Vicenza, Sabato 28 Novembre 2009 CRONACA Pagina 23

IERI ALL’OLIMPICO. L’assessore Lazzari: «Un comitato scientifico lavora a “Le vie d’acqua”»
Mercalli spiega alla città come ridurre gli sprechi
Il noto meteorologo presenta il suo Manifesto: «Non invento nulla ma riporto esperienze efficaci che altrove hanno già attuato»

mercalli e lazzariMolti la chiamano l’acqua del sindaco e non importa il colore del primo cittadino. Quel che conta è che ciò che esce dai rubinetti delle case vicentine sia così buono che se non è minerale poco ci manca. Protagonista a tavola, l’acqua è anche una delle scommesse dell’amministrazione comunale che quest’anno raddoppia la sfida lanciata con le “Le Vie d’acqua. Vicenza lungo i fiumi".
Come, lo spiega l’assessore comunale all’urbanistica e alla cultura Francesca Lazzari: «Abbiamo affidato ad un comitato scientifico il compito di studiare le prossime iniziative artistiche e culturali, in tabellone nel mese di giugno, e due convegni di portata internazionale su tematiche riguardanti le risorse idriche ed i cambiamenti climatici. Gli argomenti sono di scottante attualità, basti pensare solo alle questoni che stanno agitando il Parlamento sulla privatizzazione di questo bene». Chiamati a farne parte il professor Paolo Massaruto ed il noto meteorologo Luca Mercalli, con quest’ultimo invitato a presentare il suo “Manifesto sul clima per Vicenza".
Una sorta di insediamento ufficiale il suo, nello splendido Odeo del Teatro Olimpico. In giacca ed elegante camicia azzurra a maniche lunghe, il climatologo star di “Che tempo che fa" non usa perifrasi ma neppure frasi ad effetto. E quasi si scusa per il nome posto sotto il titolo: «In realtà io non ho inventato niente ma riporto cose che qualcuno, già da 15 anni, sta facendo sistematicamente. Oltralpe ma anche a 50 chilometri da qui, in Alto Adige». A pochi giorni dagli incontri di Copenhagen (7-18 dicembre) e dalla convenzione quadro dell’Onu sui cambiamenti climatici, il “Manifesto" sembra un’anticipazione sintetica dei grandi temi in discussione.
«Con questo documento - sottolinea Mercalli - intendiamo suggerire una serie di linee guida alle amministrazioni individuando in modo organico gli assi di intervento da percorrere per scongiurare gli effetti del riscaldamento globale, tendenza in atto da due decenni». Due però le regole da seguire: lotta agli sprechi e fare rete tutti assieme. Soprattutto una questione culturale nel Paese dei mille campanili, è difatto il primo intervento riguarda proprio l’informazione ambientale. «Invece non si capisce perché in Italia vi sia tanta resistenza su questi temi».
Mercalli incalza: promozione e incentivazione delle pratiche di efficienza e risparmio energetici, delle energie rinnovabili, dell’uso della risorsa idrica ma anche incoraggiamento delle pratiche di autoproduzione alimentari (orti urbani e recupero orti rurali), riduzione dei rifiuti, differenziazione spinta e compostaggio le cose da fare: «Tra l’altro vanno nella direzione delle piccole imprese che qui sono sistema. Insomma, bisogna cambiare l’approccio, armonizzare le leggi e sostenere queste campagne. Piccolo ed efficente è meglio»

Teatro Olimpico 27 novembre 2009 Teatro Olimpico 27 novembre 2009 Teatro Olimpico 27 novembre 2009 Teatro Olimpico 27 novembre 2009

 

Vie d'acqua 2009

«E già stiamo pensando all’edizione del prossimo anno»

da Il Giornale di Vicenza, Lunedì 27 Aprile 2009

Spettacoli, concerti, incontri, mostre e percorsi urbani sono stati molto seguiti
Una città che ama le sue vie d’acqua
In 4 giorni oltre 3500 persone nonostante il finale bagnato

ponte pusterla di seraFinale bagnato, ma bilancio fortunato per “Vie d’acqua”, la manifestazione promossa dall’assessorato alla Cultura e da “Acque Vicentine” in collaborazione con l’associazione “Meccano 14”. La kermesse, partita con vari prologhi il 18 e 19 aprile e poi sviluppatasi tra giovedì 23 e ieri, è stata seguita da oltre 3.500 persone. [...] Ampia la partecipazione del pubblico a “Vie d' acqua”, con punte da “overbooking” sabato, quando sia le passeggiate che le pedalate, che la navigazione sul Bacchiglione hanno dovuto accogliere decine e decine di partecipanti in aggiunta a quelli preventivati, per poter soddisfare tutte le richieste. Addirittura ieri pomeriggio, sotto una pioggia scrosciante, una quarantina di coraggiosi si era comunque presentata per la pedalata delle 15, poi rinviata a uno dei prossimi fine settimana. [...] Numerosi anche i turisti che hanno preso d'assalto l'ufficio informazioni turistiche di Piazza Matteotti per ritirare i programmi della manifestazione.
«La risposta positiva del pubblico quanto le proposte presentate - afferma l’assessore alla Cultura, Francesca Lazzari - ci ha sorpresi. I numerosi, positivi riscontri ci confortano molto, perché si trattava di una scommessa. Invece, la significativa partecipazione, l’interesse per il nostro progetto da parte degli sponsor, in primis Acque Vicentine, ma anche tutte le imprese che hanno sostenuto la manifestazione, è indice che abbiamo colto nel segno. Questo grazie anche all'impegno e alla passione messi sul piatto da "Meccano 14". E già stiamo pensando all’edizione del prossimo anno».

---

26 aprile 2009

Oggi, ultimo giorno di "Vie d'acqua", piove. Tanto...
Tocca spostare la programmazione al coperto. Peccato.

Facile l'ironia: "L'avete chiamata, l'acqua", "L'anno prossimo, cambiate titolo: Via l'acqua!".

Però ieri, che giornata!

Handel in piazza Matteotti

In ottanta di mattina e in cento nel pomeriggio hanno partecipato alla pedalata guidata da Matteo Rinaldi.
In centocinquanta hanno seguito Stefano Ferrio nel percorso guidato a piedi.
In duecento hanno "litigato" per salire in barca all'approdo di Ponte Pusterla.
E poi trecento ad ascoltare Oliviero Beha dibattere di privatizzazione dell'acqua; oltre duecento per le letture ai Giardini Salvi ed altrettanti la sera a Ponte Pusterla. Per finire con i settecento spettatori del concerto dei Musicali Affetti con i visual di Giuseppe La Spada, in Piazza Matteotti.

Guarda la galleria fotografica. Leggi la rassegna stampa.

---

25 aprile 2009

Succede durante "Vie d'acqua"... Senza parole.

da Il Giornale di Vicenza, Venerdì 24 Aprile 2009

IL CASO. L’allarme ieri pomeriggio: ignoti hanno scaricato idrocarburi dalla zona di via Molini
Gasolio sversato in acqua. Inquinato l’Astichello
Forte odore in centro città e chiazze sul Bacchiglione Per ore al lavoro Arpav, Provincia, Aim e Vigili del fuoco

Uno sversamento consistente di gasolio ha inquinato ieri prima l’Astichello e poi il Bacchiglione. L’allarme è stato dato nel primo pomeriggio, quando parecchi residenti del centro storico hanno iniziato a sentire un forte odore di idrocarburi proveniente dal fiume, in particolare nella zona di ponte degli Angeli, ma anche dall’ospedale e da parco Querini. In molti hanno chiamato la centrale operativa dei vigili del fuoco a partire dalle 13.15 ipotizzando uno sversamento.
In pochi minuti, sono intervenuti i tecnici dell’Arpav, la squadra antinquinamento della Provincia, Aim acqua e successivamente la polizia locale e i vigili del fuoco. I tecnici hanno verificato come in vari punti del Bacchiglione ci fossero delle chiazze oleose. Andando a ritroso, hanno individuato che arrivavano dall’Astichello e precisamente dalla zona di Marosticana-Saviabona. Dopo le ricerche, è stata individuata in via Molini la zona del probabile sversamento, la cui quantità Arpav non è riuscita a stimare sia per il ritardo con cui è stato dato l’allarme sia per la velocità della corrente, dovuta alla portata d’acqua consistente per le piogge degli ultimi giorni.
Da quanto è stato ricostruito, è assai probabile che qualcuno hanno sversato in acqua del gasolio, anche se non è escluso che possa essersi rotto un qualche vecchio serbatoio fuorilegge, come accaduto di frequente in passato in zone diverse della città. Nulla, comunque, di paragonabile al guasto dell’oleodotto militare nel territorio comunale di Monticello Conte Otto avvenuto poco più di un anno fa, che aveva provocato un serio danno ambientale. In questo caso, infatti, le chiazze sarebbero rimaste in superficie senza causare danni alla fauna.
I tecnici coordinati da Francesco Rigobello hanno sistemato due barriere oleoassorbenti dopo aver buttato in acqua delle polveri, nella zona di via Cricoli e vicino alla ex motorizzazione. In serata - l’intervento è durato parecchie ore - con i pompieri è stata creata una terza barriera nella zona dei ponti di Debba, dove il flusso è più lento e i “salami” sono più efficaci.
«L’inquinamento è stato causato non da un episodio accidentale, ma ancora una volta da una volontà dolosa. Il liquido, infatti, è stato riversato nella fognatura. Abbiamo realizzato - spiegano dall’amministrazione provinciale, con il funzionario Baldisseri - una serie di sbarramenti per tamponare il problema. Fermata l’emergenza, resta ora da capire chi e perché ha deciso di utilizzare quelle fogne come scarico improprio e improvvido».
I vigili urbani hanno avviato le indagini per risalire al responsabile dello sversamento. Nei giorni prossimi saranno sentiti alcuni vicentini che vivono e lavorano nella zona di via dei Molini.

 

24 aprile 2009

Quattrocento spettatori al concerto di Christian Fennesz, nonostante il freddo.

il pubblico al concerto di fennesz

---

22 aprile 2009

meteoDomani sera inizia il weekend di "Vie d'acqua". Come da programma, ci saranno speciali proiezioni all'aperto, fiaccolate in canoa sul Retrone, il concerto di Christian Fennesz (leggi l'intervista che ci ha rilasciato nei giorni scorsi)

Un aspetto determinante su tutti: il meteo.

Se sarà acqua anche dall'alto, gli appuntamenti di giovedì 23 (proiezioni e concerto Fennesz + La Spada) e di venerdì 24 (incontri, proiezioni e concerti) si terranno al teatro Astra. Il programma potrebbe in tal caso subire modifiche, ma gli orari resterebbero (per quanto possibile) invariati.

---

18 aprile 2009

Venerdì 17 aprile è stata inaugurata, al Centro InformaGiovani, la mostra “EMERSIONI. GIOVANI ARTISTI VISIVI SULL'ACQUA", realizzata nell'ambito del Progetto Informastranieri dell'Assessorato all'Istruzione e alle Politiche Giovanili, con il contributo della Regione Veneto – Assessorato ai Flussi Migratori. La mostra sarà visitabile fino al 26 aprile, tutti i giorni dalle 15 alle 22.

Partecipano alla collettiva: Neil Baba Ali Turqui, Marco Corain, Mirco Corato, Lisa Crawshaw, Verònica De Marinis e Alberto Salvetti, Damiano Fasso, Valerio Guadagno, Milena Hrušovska e Giovanni Canova, Ludovico Sartor, Sohee Son, Irene Tognato, Suvi Maaria Tirronen, Victor Zanasco.

Immagini dell'inaugurazione di "Emersioni"

---

3 aprile 2009

Definito il programma di "Vie d'acqua", la manifestazione movimenterà il centro cittadino dal 23 al 26 aprile con concerti, incontri, spettacoli, installazioni e percorsi guidati. Tra gli ospiti il musicista elettronico Christian Fennesz, lo scrittore Giuseppe Pederiali e i giornalisti Oliviero Beha ed Ettore Mo.

Il programma di "Vie d'acqua"

---

2 aprile 2009

Venerdì 24 aprile, alle 21.45, il pubblico di "Vie d'acqua" potrà assistere all'incontro "Immagini dell’acqua: società, cultura (e cinema)" con Massimiano Bucchi (Università di Trento e Observa Science in Society) e Alberto Brodesco (Università di Udine). Nell'occasione sarà presentato il filmato “Acqua a 35 mm”, realizzato appositamente per la manifestazione.

Observa è anche l'associazione che organizza, con il Comune di Caldogno, la terza edizione della rassegna "Scienza e Società si incontrano nell'architettura", dal 16 al 19 aprile. Maggiori informazioni le trovate qui.

---

22 marzo 2009 - Giornata Mondiale dell'acqua

La “pedalata dell'acqua" - progetto di percorso guidato in bicicletta a cura di Matteo Rinaldi per "Vie d'acqua - Vicenza lungo i fiumi" - replicherà sabato 25 e domenica 26 aprile 2009 con partenza da piazza Matteotti (mattina ore 9.30 - pomeriggio ore 15). Andrà dal Bacchiglione a ponte Pusterla fino al Tesina lungo strade poco trafficate, sterrati e piste ciclabili, con visita all'acquedotto vicentino.

---

22 marzo 2009 - Giornata Mondiale dell'acqua

Un gruppo di volontari si occupa della ripulitura e della sistemazione dell'approdo al fiume in prossimità di ponte Pusterla (vicino all'ex parcheggio Aci a S.Biagio): sarà utilizzato come spazio per iniziative durante la manifestazione e verrà poi "restituito" alla città come luogo d'incontro.

L'approdo al fiume di ponte Pusterla: prima e dopo

pusterla prima pusterla dopo

---

Per informazioni: info@meccano14.org